Buenos Aires, 7 aprile 2014

Isla Maciel è il nome di un quartiere popolare o «villa miseria», come vengono chiamati in Argentina i quartieri più poveri e difficili del paese. Il quartiere viene chiamato «Isla» perchè è separato dalla città su tutti e quattro i lati. Un’autostrada, priva di qualunque attraversamento pedonale, costeggia il quartiere chiudendolo su due lati. Un’altra «villa» molto violenta, praticamente impossibile da attraversare, ne chiude il terzo lato. Infine, l’acqua altamente inquinata del Riachuelo lo separa da La Boca, rimanendo l’unico punto di accesso grazie ad un servizio di piccole barchette che traghettano la gente dentro e fuori Isla Maciel.
Il quartiere ha visto i suoi splendori nei primi del ‘900 quando era un polo industriale importante e molti italiani vi si stabilirono, dando vita a una comunità vivace e colorata. Negli anni ’50 le fabbriche chiusero e furono dislocate in altre zone di Buenos Aires. Molte famiglie furono così costrette ad abbandonare la «Isla» e il quartiere divenne una città-postribolo per i marinai del porto bonaerense e fu occupato da varie bande, che ancora oggi si contendono violentemente il traffico della droga.
L’Envion Isla Maciel è un centro sociale e ricreativo per i giovani del quartiere. Vi si svolgono diverse attività, da corsi di saldatura a lezioni di musica, dal dopo-scuola a lezioni di ballo, e da un paio di anni esiste un piccolo laboratorio di fotografia gestito da Sergio, un fotografo porteño che con mezzi di fortuna è riuscito a far appassionare alla fotografia un gruppo di ragazzi e ragazze del quartiere.
Nel 2012, mentre FotografiSenzaFrontiere era impegnata in Argentina con un laboratorio di fotografia all’interno del carcere di Ezeiza a Buenos Aires, sono stato invitato a conoscere il laboratorio fotografico tenuto da Sergio a Isla Maciel per valutare la possibilità di continuare il progetto insieme. Così è nato il primo taller di fotografia di FSF a Isla Maciel.
Nel 2013 ne è stato realizzato un secondo, che si è concluso con una mostra delle foto degli allievi all’interno dell’Envion e all’Università di Avellaneda.
Nel mese di aprile di quest’anno 2014 si svolgerà il terzo laboratorio che, come nella prassi di FSF, terminerà la nostra missione a Isla Maciel, con la formazione di due dei migliori allievi del gruppo all’insegnamento della fotografia. Diego e Federico entreranno a far parte della nostra associazione come responsabili dei nostri laboratori nel quartiere.

Giorgio Palmera ©RIPRODUZIONE RISERVATA